Informazioni varie fino al Giugno 2018




In costruzione un prototipo PNN F432 che in miniscala potrebbe servire per costruire una miniastronave ( info: 12 Settembre 2017)





Info in english about F432




Egregi Aderenti

Attraverso molte traversie forse e sottolineo forse entro la fine dell’anno 2018 si spera di onorare a nostro modo il vecchio sogno dell’astronave pnn per Marte …ovvero in realtà è in costruzione solo un piccolo prototipo a batteria per fare i test di spinta in modo più coerente e completo.
L’accensione del prototipo avverrà attraverso un telecomando.


Ora questo sotto F432 … erede di F449 (dettagli in Nova 153)



Cosa manca a F432 ,più leggero dei precedenti, per diventare un sistema autonomo ovvero in teoria una piccola astronave?
Manca il gruppo di alimentazione a batterie (e pannelli solari per la ricarica) e amplificatori e preamplificatori, e la telemetria , etc.. nel dettaglio ampli e preampli sono molto più leggeri dei mastodonti attualmente posseduti dall’ASPS.

Certo la cosa migliore sarebbe associare le batterie ricaricabili con quelle RTG a radioisotopi https://it.wikipedia.org/wiki/Generatore_termoelettrico_a_radioisotopi lavorando in tandem… ma non ce lo possiamo permettere avendo il nostro paese rinnegato con referendum il lavoro di E.Fermi … il primo che riuscì a produrre il primo reattore nucleare.


Setup di F432 su pendolo balistico




Malgrado tutto l’astronave in miniatura pnn F432 ,attraverso la collaborazione esterna di altri 4 formidabili italiani (di cui si parlerà su Nova 153), è in piena fase di realizzazione.
Sotto c’è una dislocazione (molto semplificata) dei componenti da aggiungere che nella distribuzione che ricorda il fatale motto :





“i buoi sono lenti ma la terra è paziente” :







La struttura supersemplificata suddetta ha preso ispirazione ( distribuzione a comparti dei componenti lungo un asse) da una precedente teorica idea di una astronave pnn per Marte (SC24X)







F432 è come il bove che tira il carretto caricato con batterie al litio ( un incubo comperarle all’estero con certe caratteristiche peso/potenza) , amplificatore preamplificatore,e telecomandi vari.










Vorrei sottolineare un dato essenziale dell’inerzia dei sistemi pnn per abbreviare i tempi di avvicinamento a un corpo celeste.

La violazione del terzo principio comporta necessariamente la riscrittura del principio di inerzia, che non è più un moto rettilineo uniforme ma un moto uniformemente accelerato .

Ovviamente la configurazione del prototipo con batterie serve alla verifica di questa ipotesi (e sottolineo ipotesi!) sull’inerzia quando viene violato il principio di azione e reazione.

Questo potrebbe comportare che la legge di inerzia sia



Come descritto in

http://www.calmagorod.org/inerzia-della-pnn/


a meno di un processo dissipativo (simile all’irraggiamento termico) in atto durante l’attuazione di tale legge di inerzia.
Vorrei sottolineare un dato essenziale dell’inerzia dei sistemi pnn per abbreviare i tempi di avvicinamento a un corpo celeste.
La violazione del terzo principio comporta necessariamente la riscrittura del principio di inerzia, che non è più un moto rettilineo uniforme ma un moto uniformemente accelerato per la pnn

Conclusioni: un viaggio vero Marte potrà essere più breve nei tempi se a motori non completamente spenti ci si limita solo a compensare il processo dissipativo.

L’unico modo per salvare la conservazione dell’energia in tale procedura è che a differenza della teoria della relatività la massa del mobile pnn diminuisca all’aumentare della velocità



Quo fata ferunt

E.Laureti








Ulteriori indizi sperimentali dell’inerzia della PNN ( 3 Dicembre 2017)



Nell’attesa che sia operativo il sistema PNN della Fig.A con alimentatore a batterie e comandato a distanza



Fig.A

si sono fatti diversi test cercando di minimizzare gli effetti da errori di misura principalmente dipendenti da deformazioni termiche del cavo coassiale che porta potenza a F432 da amplificatore esterno .

Il setup sperimentale è molto semplice. Una bilancia elettronica kern al millesimo di grammo è posta nel lato opposto in cui viene messo il prototipo su una bilancia a bracci. Dal lato opposto con opportuno contrappeso viene posta la bilancia Kern opportunamente schermata fig. 2 secondo indicazione di uno dei nostri 4 nuovi collaboratori.
La schermatura risulta perfetta con triplo velo antiradiazioni a rete + umile ma efficace carta stagnola .

Fig.1

In fig.1 F432 è ancorato a un braccio della bilancia a bracci. (3 Dic.2017)

Notare che se la legge di inerzia della pnn fosse la stessa della meccanica newtoniana ci dovremmo aspettare una spinta costante dopo l’accensione ( a circa 500 watt).
Invece come si può notare dal video sottostante



[Nel video sono visibili preampli, ampli e display bilancia su schermo del portatile (a debita distanza)].

La spinta umenta all’aumentare del tempo… a parità di energia erogata.

Come detto la conferma definitiva di questo potrà essere data solo quando F432 sarà nella configurazione di Fig.A

Il video è stato girato del dovuto da SergioZ nel

Forum di NasaSpaceflight

e nel Forum

del nostro collaboratore SergioZ



Segue in:

Assetto F432 su Bilancia a Bracci









VOLO PNN VERSO MARTE E RITORNO SULLA TERRA (4 Gennaio 2018)






Insuetum per iter gelidas enavit ad Arctos (Eneide Lib.VI)




Premessa : Questa attualmente incredibile possibilità per un velivolo pnn il cui schema essenziale è dato nella figura sottostante (la parte relativa al “carretto“ è attualmente in costruzione con i tempi e i mezzi di cui l’Asps dispone)

Fig.a

deriva dal fatto che finora test finora effettuati hanno indicato questa anomalia insolita per la legge del moto di un mobile violante il principio di azione e reazione.

Ora il dato di partenza è che se la PNN viola il III di Newton non si può pretendere che la legge di inerzia e il secondo principio della dinamica non siano diversi.

I test fatti finora indicano questo e il test finale di conferma sarà solo quello con una configurazione simile alla fig.a.


Comunque se la legge di inerzia è non lineare non ci serviranno come vedrete ingenti risorse per raggiungere Marte.

Ciò che pure lavora contro di noi è far parte di un paese (l’Italia) in cui l’uso de nucleare è stato bocciato da 2 referendum .
I privati italiani che volessero e potessero intraprendere un volo spaziale per raggiungere e ammartare su Marte non potrebbero disporre di reattori nucleari per produrre energia elettrica o di batterie RTG ai radioisotopi (anche se non lo dicono apertamente la quasi totalità degli attuali rover marziani targati Nasa ha batterie RTG)
Figuriamoci i privati italici se possono accedere e megliorare la tecnologia delle RTG quando l’Italia patria di E.Fermi ( che realizzò in America il primo reattore nucleare) ha rinunciato al nucleare.
Insomma c’è da piangere sulle opportunità a cui bisogna abdicare in un paese di furbi ideologici in cui vengono chiuse centrali nucleari proprie per i guasti in quelle di altri paesi che non si sognano (i russi) lontanamente di fare una cosa identica nel loro paese. Insomma l’ecologismo estremista alberga solo in Italia e l’obbiettivo da raggiungere per loro è probabilmente quello di tornare ai tempi d’oro della pietra levigata.
Che l’Ecat non funzioni e sia da diversi anni una lagna illusoria e una fregatura pazzesca come energia auspicata e desiderata da chi ha votato contro il nucleare classico è per me la giusta vendetta dello spirito del nuclearista E.Fermi le cui opere sono vietate in questo paese.

Ora potendo noi , diversamente italici , disporre di sole batterie ricaricabili dobbiamo usare tutto quello che c’è per ricaricare sempre al massimo le batterie da utilizzare per la pnn ovvero scontare noi la punizione ecologista di raggiungere Marte senza nucleare .
Mentre USA , Russia e Cina possono disporre dell’energia nucleare come meglio loro aggrada in ambito spaziale alcuni furbi e neolitici italiani hanno deciso il contrario.

Ribadisco quello che ho detto prima se la legge di inerzia e la spinta per caso si confermasse come quella di questo video ( altre info in link successivi) del prototipo F432 posto su un braccio di una bilancia a bracci ,potremmo raggiungere Marte e tornare sulla Terra anche senza reattori nucleari.


Fig.b





[Nel video sono visibili preamplificatore , amplificatore e display bilancia attraverso fibra ottica su schermo di un portatile (a debita distanza)].


Il video della spinta crescente del prototipo in meno 1 minuto dall’accensione è stato girato di 90 gradi nel link

Forum di NasaSpaceflight

e nel Forum

del nostro collaboratore SergioZ



L’idea di di base dei DPS per ricaricare le batterie è quella della turbina eolica ovvero disporre di eliche eoliche durante l’atterraggio su un corpo celeste con atmosfera…. solo che il vento non viene contro le turbine ma il contrario.

Naturalmente il luogo di atterraggio deve avere una atmosfera .
Nel dettaglio un sistema pnn dotato di eliche (in guisa di drone) impattando una atmosfera planetaria (con i necessari angoli e velocità per evitare l’autodistruzione) può produrre energia elettrica mancando le RTG.
Senza atmosfera planetaria pertanto non possono essere usati i DPS.
Come detto le eliche assomiglierebbero in ipotesi preliminare ai quelle dei droni ma opererebbero al contrario come generatori di energia elettrica quando un sistema pnn decide di atterrare su un pianeta avente appunto atmosfera.
In fondo i DPS trasformano uno svantaggio in vantaggio.

E Marte come la Terra ha una atmosfera anche se molto debole.

Riepilogo tutta la sequenza di partenza dalla Terra ,volo con ammartaggio e ritorno per capire meglio la procedura essenziale di qualcosa che attualmente è ancora largamente a LIVELLO TEORICO nei molti dettagli di cui è composto.

Fase a) : Partenza dalla Terra

se la legge di inerzia è quella che ora sembra ovvero non lineare con la spinta che aumenta in funzione del tempo ai fini del decollo bisogna solo attendere. Attualmente per non rischiare danni da surriscaldamento aziono F432 per circa 40 secondi a una potenza tra i 400 e i 500 watt .
E’ pochissimo temporalmente per raggiungere il decollo. E ovviamente mi mancano una serie di controlli strumentali che per tempi, costi e INESISTENZA degli strumenti stessi non posso fare.
In definitiva per il decollo dalla Terra c’è il vantaggio che si può sottoporre il sistema ad alimentazione elettrica esterna mentre è ancora appoggiato sulla superficie terrestre senza utilizzare le batterie ricaricabili .
Comunque dovranno essere risolti almeno altri due problemi essenziali per raggiungere questo obbiettivo:

A) Dissipazione termica attraverso un sistema di dissipazione termica attivo (che F432 non possiede). La soluzione di piazzare sistemi attivi di dissipazione termica va calibrata con la NON alterazione dell’impedenza.
Quello che è agevole fare in assenza di campi rapidamente variabili non è identico in fase di frequenze di milioni di megahertz. L’alterazione e il non controllo in fase termica dell’impedenza mi ha distrutto diversi prototipi.

B) Mantenimento dell’energia di spinta pnn accumulata senza uno scambio sfavorevole in funzione del tempo con l’ambiente circostante

Successivamente tenere vincolato o meglio “ancorato” ,come si deve a una nave, il sistema pnn (che è una astronave) alla superficie terrestre senza rilasciarlo e poi rilasciarlo solo quando la spinta accumulata è idonea a raggiungere un orbita bassa senza utilizzare troppo le batterie ricaricabili .

I tempi di accumulo della spinta dipendono anche dalla massa che il sistema pnn vuole portare con se a parità di spinta dei motori . Comunque le batterie possono essere completamente ricaricate durante il viaggio verso Marte con i pannelli solari .
Per ammartare si possono usare i DPS dato che Marte ha atmosfera e i DPS producono potenza elettrica solo con la presenza e impatto soft con atmosfera.

Ovviamente in partenza dalla Terra pannelli solari e i supporti e le turbine eoliche ( i cui disegni e numero di pale sono solo indicativi) debbono essere ripiegate all’indietro per motivi di attrito con l’atmosfera terrestre (fig.1)


Fig.1



Fase b) : In viaggio verso Marte


In assenza di attriti esterni pannelli solari e le turbine da ricarica possono essere dispiegate.


Fig.2


Fase c) : Discesa su Marte

Ripiegamento dei pannelli solari e configurazione tipo fig.3 per una frenata morbida.

Fig.3


Le orbite attorno Marte dovranno essere debitamente eccentriche (quanto non so) ovvero con apogeo abbastanza maggiore del perigeo in modo da impattare l’atmosfera marziana nel passaggio al perigeo per mettere in azione le eliche e caricare gli accumulatori cioè utilizzare l’energia elettrica prodotta per frenare il sistema pnn in spinta opposta al verso di moto , ridurne la velocità e abbassare l’orbita.
In pratica nel passaggio al perielio si deve fare frenando con spinta invertita abbassando l’orbita continuamente senza perdite di energia negli accumulatori elettrici precedentemente ricaricati.
Il tutto richiede una esatta conoscenza del numero di orbite da fare attorno a Marte per la frenata e di quanto va calato al ribasso il perielio fino all’immersione totale nell’atmosfera marziana.
Insomma necessitano calcoli complessi e una struttura di velivolo pnn idoneo a non risultare danneggiato in fase di frenamento. Anche perché la stessa procedura si dovrà attuare per il ritorno sulla Terra e l’atmosfera terrestre è notevolmente più densa e quindi più pericolosa.


Fase d) : Partenza da Marte

Va differentemente usato lo stesso criterio per decollare dalla Terra. Ovvero il sistema pnn dovrà essere “caricato di spinta” per il tempo necessario al decollo e necessariamente dovrà portare su Marte un maggior numero di pannelli solari da lasciare presumibilmente in loco con relativi accumulatori (e quindi riusabili per altri viaggi). Calcoli e studi complessi di tutta la componentistica necessaria debbono essere fatti per predisporre il necessario e compensare eventuali imprevisti sempre mancando noi di RTG e/o reattori nucleari.



Fase e) : Ritorno sulla Terra

Identica come procedura a quella dell’ammartaggio solo che l’atmosfera terrestre è molto più densa e la difficoltà di danneggiamento strutturale dell’astronave pnn più elevata. In conclusione l’astronave va fatta e costruita in funzione del rientro più difficile che è quello sulla Terra. Di nuovo bisogna operare di tacco e di punta cioè di passaggi multipli in apogeo e perigeo frenando , caricando gli accumulatori e abbassando opportunamente l’orbita in fase di perigeo.


Conclusioni :

Esaminando i singoli step mi pare che uno dei dati essenziali su cui impostare tutto , a parte la tempistica del viaggio che sarà sempre in accelerazione e decelerazione (se la legge di inerzia è non lineare) , sono i calcoli per progettare la struttura dei pannelli solari ripiegabili , i DPS e necessariamente i calcoli di frenamento soft per il ritorno sulla Terra.
Insomma tutte problematiche molto complesse, complicate e costose che purtroppo l’Asps non potrà affrontare da sola dovendo partecipare per l’efficienza un discreto numero di esperti e specialisti in vari settori.

Incidentalmente aggiungo che si può allunare anche su corpi celesti senza atmosfera come la Luna , non dispiegando le turbine eoliche, e utilizzando con tutta la calma possibile una procedura di ricarica basata solo su pannelli solari magari opportunamente ampliati.

Comunque la conclusione più intrigante a cui ancora non riesco a capacitarmi perché troppo bella per essere vera è l’inerzia non lineare (video http://www.asps.it/fibravid.mp4 in http://www.asps.it/fibra432.htm ) dalla quale discende o meglio si intravvede qualcosa che potrebbe avere aspetti anche nella produzione di energia… ma è troppo presto per parlarne ora perché gli scalini vanno superati uno alla volta.

Quo Fata Ferunt



Colonizzazione della Luna e di Marte applicando il terzo principio di newton NON con un missile



Ovvero : Metodo di propulsione Sahariano
From Nova Astronautica n.155 2018











F242 is an innovative (2016) PNN (non newtonian propulsion system ) able to demonstrate experimentally the procedures for implementing the interstellar flight











EPISODI PNN sui “MINIMI SISTEMI (Aprile 2018)”










Info in english about F242












Videoclip del prototipo PNN “Timore del Signore” VF2 in assetto su pendolo balistico.
Questo prototipo (Gennaio 2013) presenta una accelerazione maggiore di circa 450 volte (1/32 di g) rispetto ai prototipi PNN del 2005.
Il prototipo è di proprietà dell’Ordine Crociato per la Cristianizzazione del Cosmo (OCCC).
L’OCCC si adopererà per migliorare la sua accelerazione di circa 35 volte fino a raggiungere l’accelerazione che permette il decollo : 1,1 g .





 

 
 

 


 
Nelle fig. D1 e D2 è illustrato il principio di spinta attraverso l’utilizzazione del campo magnetico della corrente di spostamento maxwelliana.
Nel sito www.calmagorod.org sono presenti nuovi videoclip pnn e ulteriori dettagli del principio di funzionamento.


 


Adattamento sperimentale del principio teorico di spinta illustrato in fig.D2. La sostanza bianca tra i dischi è un dielettrico.
 










Il decollo della pnn dal suolo è determinato dal fatto che : L’impedenza tende ad annullarsi… mentre la potenza di alimentazione aumenta … ovvero l’onda elettromagnetica prodotta tende a scomparire a circa 10 lunghezze d’onda dalla sorgente dato che il campo magnetico della corrente di spostamento ha sempre dimostrato con la pnn sperimentalmente la sua inesistenza

Anche Lorentz (Nobel Prize) riteneva inesistente il fantasma di Maxwell ovvero la corrente di spostamento.
http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.205.6223&rep=rep1&type=pdf
come altri
http://www.asps.it/miller00.pdf

Maxwell era un matematico che in vita sua non ha mai fatto un esperimento al riguardo.

Pertanto dico a coloro che inutilmente cercano di capire come funziona l’EmDrive. Attenzione alle basi dell’elettrodinamica classica c’è qualcosa che non va e che inevitabilmente altera la percezione fisica. Tempo fa mi arrabbiavo molto per questa situazione .

Ora non più. Le mie posizioni attuali sono espresse da questi due motti in latino.

Deus quos perdere vult dementat prius.

Vulgus vult decipi ergo decipiatur. :-)

Le 2 figure (sopra e sotto) in oggetto nell’Impedance Analyzer mostrano già l’abbattimento in F432 dell’impedenza capacitiva X e un certo progresso nell’abbassamento dell’impedenza resistiva R … ma ancora non basta ai fini del decollo anche se , come detto in precedenza, un cambiamento della legge di inerzia potrebbe facilitare la cosa.
















HOME